Ospedale al Mare Venezia: 500 posti di lavoro nel nuovo hotel

0

Via libera al progetto che prevede lo spostamento dell’ex Ospedale al Mare del Lido di Venezia e la costruzione di un resort sull’area del precedente, con la conseguente creazione di 500 nuove opportunità di lavoro in laguna;

si tratta di un progetto decisamente interessante, che segna una svolta per un’area prestigiosa, primo tassello per la trasformazione del Lido di Venezia nella cosiddetta “isola del lusso” di cui si parla da tanti anni.

Ex Ospedale del Mare: i progetti dei privati

Da quando l’ex Ospedale del Mare è stato affidato ai privati si è parlato a lungo dei possibili progetti in cantiere al Lido, ma adesso sono arrivate le prime notizie ufficiali:

l’area è stata acquisita da Cassa Depositi e Prestiti, ma il progetto è stato finanziato in sinergia da Club Med e TH Resorts, che hanno ridisegnato l’area presentando il progetto a sindaco Luigi Brugnaro.

ospedale mare lido venezia lavoro

Il masterplan di Club Med e TH Resorts

Le prime indiscrezioni sul progetto vedono l’ex nosocomio scisso in due strutture distinte adibite a resort, che porteranno 350 nuove stanze di hotel a Venezia;

il presidente dell’Agenzia per lo Sviluppo Beniamino Piro ha presentato un disegno che prevede l’investimento da parte di Cassa Depositi e Prestiti di una cifra compresa tra i 100 e i 130 milioni di euro, e tiene conto di 3 esigenze fondamentali: quella del benessere allargato, quella della vocazione turistica di Venezia e quella dell’apertura in tutti e dodici i mesi dell’anno.

La CdP (quindi il Ministero dell’Economia e delle Finanze) è pronta a investire tra i 110 e i 130 milioni di euro nel recupero dell’ex Ospedale al Mare.

500 offerte di lavoro in arrivo e un nuovo monoblocco

L’investimento avrà ricadute positive su due fronti:

da un lato il nuovo resort porterà circa 500 assunzioni di personale in varie mansioni, dal personale di sala a quello di cucina fino agli addetti alle stanze, manutentori e diversi ruoli amministrativi;

l’altro lato positivo è la ricaduta sulla qualità della vita dei residenti, poiché il monoblocco sarà ricostruito poco più indietro e adibito a struttura di emergenza che comprenderà i reparti di anestesia, chirurgia, rianimazione, oltre al Pronto soccorso.

Le altre aree di interesse di questa porzione del Lido di Venezia rimarranno pubbliche, la chiesetta, il teatro Marinoni e l’ex Cral dell’Ospedale al Mare, dotato di strutture e servizi per le attività sportive.

Un concorso per il nuovo monoblocco

Mentre Club Med e TH Resorts recluteranno il personale nel modo canonico, ovvero l’analisi del curriculum vitae e i colloqui, per il monoblocco è già stato annunciato che le assunzioni arriveranno tramite concorso pubblico, non rimane dunque che aspettare la pubblicazione degli annunci di lavoro sui siti delle catene alberghiere e la pubblicazione dei bandi sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica.

 

 

Share.

Commenta