Come diventare elicicoltore e quanto si guadagna

0

Sono sempre di più gli italiani che guardano con interesse al mestiere di elicicoltore, ovvero allevatore di lumache, vuoi per l’investimento iniziale relativamente contenuto, vuoi per il potenziale guadagno che se ne può trarre;

premettiamo che, come per ogni lavoro che preveda l’allevamento di animali, non basta essere spinti dal desiderio di costruirsi un mestiere ma occorre anche tanta passione e cura per questi esseri viventi, tuttavia siamo lieti di fornire questa breve guida a chi, spinto da interesse, ha deciso di approfondire i dettagli di un’attività dal buon rapporto costi / ricavi.

Aprire un allevamento di lumache: le basi

L’elicicoltore è di fatto titolare di un’impresa agricola, quindi le prime formalità burocratiche da espletare saranno:

come diventare elicicoltore guadagni
  • iscriversi al registro delle imprese agricole presso la Camera di Commercio di riferimento
  • aprire partita Iva
  • adempiere agli obblighi di iscrizione a Inps e Inail

norme più articolate valgono se oltre all’allevamento volete effettuare anche la vendita di lumache al pubblico (in questo caso occorreranno HACCP ecc.).

I costi da sostenere

Se volete allevare lumache i costi da sostenere sono ovviamente variabili ma facilmente individuabili:

innanzitutto se non lo avete dovrete acquistare un terreno adatto alla chiocciola (è necessario che non sia argilloso e abbia disponibilità di acqua), se non siete competenti in materia sarà utile chiedere la consulenza di un professionista per valutare composizione chimica,  granulometria e pH, oltre a richiedere un esame microbiologico dell’acqua.Per quel che riguarda l’acqua, invece, bisognerà effettuare un esame microbiologico

Dopo queste iniziali valutazioni dovrete sostenere le spese per l’acquisto di:

  • recinzioni adatte
  • piante per l’alimentazione delle lumache
  • acquisto delle chiocciole per riproduzione
  • materiale per semina specializzata
  • eventuale acquisto di prodotti per la disinfestazione e la derattizzazione

Ovviamente se non siete in grado di costruire l’allevamento in autonomia dovrete anche sostenere i costi relativi alla manodopera per la messa in atto delle recinzioni esterne ed interne.

Inutile dire che più grande sarà l’allevamento minore sarà in proporzione la spesa da sostenere, secondo le stime più recenti per un allevamento dell’ampiezza di 5.000 mq occorreranno circa 13.000 € più eventuale manodopera, mentre per una superficie doppia potrebbero “bastarne” circa 21.000.Quanto si guadagna con l’elicicoltura?

Quanto si guadagna con l’elicicoltura?

Quando si parla di ricavi da elicicoltura è meglio rimanere sul vago, dal momento che la resa per metro quadrato può variare a seconda di diversi fattori, ma possiamo affermare che attualmente si può ipotizzare un ricavo annuo lordo di

4.000 € x mq

al quale andranno ovviamente sottratte le tasse.

Altre opportunità relative all’elicicoltura

Per comodità in questa breve guida non abbiamo considerato alcune alternative al percorso classico, quali ad esempio l’apertura di un’elicicoltura in franchising (esistono diverse opportunità a riguardo) e la vendita di bava di lumaca o caviale di lumaca, assai più redditizi in proporzione della vendita della chiocciola in sé;

in futuro dedicheremo ulteriori approfondimenti alle lumache da bava e alle opportunità di guadagno generate dal caviale di lumaca, sempre nella sezione guide del nostro sito internet, come sempre nel frattempo teniamo aperta l’apposita area commenti per eventuali vostre opinioni o cominicazioni a riguardo, o per semplici richieste di informazioni.

Share.

Commenta