Green Pea: lavoro in arrivo a Torino nel progetto di Farinetti

0

Il patron di Eataly Oscar Farinetti continua a pensare a nuovi format di intrattenimento e promozione del cibo nostrano: dopo Fico è la volta del progetto Green Pea, che porterà a Torino nuove offerte di lavoro e che sarà presto replicato in altre città;

andiamo a vedere meglio di cosa si tratta, in mnodo da fornire le prime informazioni utili per chi cerca lavoro a Torino ed è attirato dalla possibilitò di una carriera in un progetto del tutto innovativo ed ecosostenibile.

La storia di Farinetti riparte da Torino

Consegnato a tutti gli effetti il progetto Eataly ad Andrea Guerra ed ai figli, Oscar Farinetti sceglie Torino come sede di partenza per la sua nuova creatura:

il primo Green Pea sorgerà al Lingotto, poco distante dalla ex sede Carpano che ospita da ormai 11 anni il negozio Eataly della città sabauda, in una zona che precedentemente ospitava una fetta di parcheggi della 8Gallery.

Il nuovo store di Via Nizza sarà pronto già nel 2019 e proporrà una serie di novità fino ad ora mai viste nel campo della vendita di alimentari.

green pea torino lavoro

Come sarà Green Pea: alcune anticipazioni

Come nello stile di Farinetti sono ben poche le anticipazioniche trapelano (già per quanto riguarda Fico fu difficioltoso cogliere i dettagli del progetto prima dell’inaugurazione);

quello che già si sa riguarda innanzitutto l’edificio che sorgerà in Via Nizza, che sarà a sostenibilità energetica totale: Green Pea sta già collaborando con l’Università di Torino per la scelta degli alberi e dei legni da usare, inoltre i clienti produrranno energia camminando.

Per quanto riguarda le occasioni di shopping, di sicuro ci sarà spazio per la vendita di prodotti alimentari e abbigiamento, ma non si esclude che all’interno dello store ci possa essere spazio anche per arredamento e prodotti per la casa.

Oscar Farinetti, intervistato dal quotidiano La Stampa, ha dichiarato:

“Dietro l’angolo c’è il tema del rispetto. Il nostro obiettivo sarà costruire e vendere beni durevoli con un nuovo rapporto con l’acqua, la terra e l’aria. E con noi stessi. Sono due anni che studio il settore dell’abbigliamento. E vedo che c’è un grande lavoro da fare nel campo della sostenibilità e del rispetto”.

Come premesso il format sarà esportato anche in altre città italiane e non (si parla già della possibilità di una nuova apertura a New York).

Prospettive occupazionali in Green Pea

Anche se al momento è troppo presto per avere un dettaglio delle posizioni aperte in Green Pea, si sa già che ci saranno offerte di lavoro per venditori, commessi, commesse, magazzinieri, addetti alle casse, ma ci sarà spazio anche per esperti e sviluppatori di prodotti eco e bio che vanno dall’abbigliamento all’arredamento.

Al momento Green Pea non dispone ancora di una pagina Lavora con noi, ma presumibilmente, come già è recentemente accaduto per Fico a Bologna, anche nel progetto torinese gli annunci saranno pubblicati all’avvicinarsi della data di inaugurazione.

Share.

Commenta